10/04/2021-Parma-Milan 1-3–30^ giornata

(Rebic,Kessiè,Gagliolo(P),Leao)
Abbiamo battuto non solo i parmensi,ma anche la gran voglia di protagonismo di un arbitro che poteva rovinarci una partita tranquillamente avviata ad una nostra vittoria.Arbitro non nuovo ad episodi simili.Una partita che fino all’espulsione di Ibra era stata completamente controllata dai nostri.Siamo partiti bene,cosa non frequente ultimamente,realizzato un gran bel goal
con Rebic imbeccato da ibra,stoppata qualche fragile reazione dei cociati,raddoppiato con Kessiè con tocco di Theo Hernandez.Meglio non si poteva chiedere.Idem con la ripresa del gioco.Poi l’episodio chiave.Tutto da chiarire sino in fondo,ma pare trattasi di una protesta di Ibra ad un permaloso Maresca.Protesta simile nei contenuti a quelle che avvengono a bizzeffe
in un campo di calcio.Se il merito di giudizio fosse sempre quello di Maresca le partite non finirebbero per mancanza di giocatori.Incameriamo,quindi,l’ennesimo cartellino rosso e andiamo avanti.Privi di Ibra la squadra ha vacillato e subito l’assalto parmense.
Il 2-1 ci ha fatto tremare,ma qui è venuto fuori lo spirito di gruppo.I ragazzi si sono compattati,sono entrate forze fresche e difeso il fortino con un Donnarumma acciaccato,ma fisso al suo posto eun Kessiè che giocava per due per non far sentire la mancanza di Ibra.Fiato sospeso sino a quando un prezioso Dalot ha preso palla.Ho pensato,e con me molti latri,che volesse andare avanti il più possibile per guadagnare secondi ed invece da una palla al bacio ad un Leao sbucato dall’angolo nascosto del televisore che vola per il 3-1.Credo che tutti noi tifosi milanisti abbiamo dato un abbraccio virtuale a Dalot e,in seconda battuta a quel Leao che ha grandi numeri,ma spesso ci fa disperare per la sua assenza dal gioco.Finita bene.Dopo la sconcertante partita con la Samp aspettavamo una reazione che è arrivata anche in termini di atteggiamento.Occorre aumentare gli attacchi sulle fasce e non solo tentare lo sfondamento frontale anche se oggi ci hanno premiato.Ottimo Ibra come distributore di palloni
per i compagni in attacco,Kessiè combattente instancabile e goleador,la coppia Kjaer-Tomori che si conferma di ferro.Donnarumma ha fatto un gran intervento e dato sicurezza.Un’ampia sufficienza per tutti,comunque.Questa ulteriore vittoria esterna conferma che,evidentemente,
ci troviamo meglio lontani da San Siro principalmente per una questione mentale. Bisogna,quindi,cancellare questa debolezza già nella la prossima col Genoa anche se non sarà facile.Siamo nella fase finale del campionato e i punti sono peziosi per tutti e tutti
sono pronti a mettere in campo grinta e voglia di far risultato.Noi non dobbiamo farci sorprendere e partire bene sin dal fischio iniziale come accaduto oggi.
Alla prossima e come sempre…forza Milan!!
MIGLIOR ROSSONERO:IBRA(finchè è stato in campo),KESSIE(per il resto partita e per quello fatto prima)(Menzione speciale a DALOT)