01/08/2010-Milan-Cagliari 3-0–38^ giornata

(Klavan(aut.),Ibra,Castillejo)
Abbiamo finito in bellezza,alla grande.In pratica non c’è stata partita.Si è incanalata nel verso giusto dopo pochi minuti e dopo abbiamo visto un Milan macinare gioco a tratti spumeggiante. Il primo tempo poteva finire 3 o 4-0,ma sfortuna(traversa di Leao con rovesciata alla Piola),errore di Ibra su rigore e vari tentativi andati a vuoto per poco non lo hanno permesso.La squadra ha giocato a memoria e dato un ritmo vivace alla partita,tenendo conto che il termometro segnava 35 gradi.Nel secondo tempo abbiamo  aumentato gli attacchi e chiuso la partita.Spettacolare il goal di Ibra:un tiro missile terra-aria che ha collaudato la resistenza
della rete,dando l’ok al marchio di fabbricazione.Hanno giocato tutti bene e quello che ha fatto piacere è stato vedere i ragazzi giocare anche con divertimento cosa che non ci succedeva vedere da tantissimo tempo.Uno stato di forma e di gioco superbo che ci fa venire un sacco
di rimpianti.Dobbiamo sfruttare tutto questo per riartire bene una volta per tutte.Dobbiamo sfoltire la rosa da chi non può servirci(Biglia,Musacchio,Laxalt,Krunic,ecc.).Dispiace per Jack Bonaventura:si è sempre validamente impegnato e con tasso tecnico di tutto rispetto,ma,,rimanendo,potrebbe trovarsi a essere poco utilizzato.Bisogna essere decisi nell’innestare con convinzione (e utilizzare) giovani del vivaio.Oggi ha esordito Brescianini:dopo un inizio timido ha preso coraggio e fatto bene.Entrato anche Maldini jr. che ha fatto vedere qualche buon spunto,ma necessita avere più possibilità per inserirsi nel gioco.Il segnale,comunque,è positivo.La squadra è giovane e coadiuvata da gente esperta come Ibra e lo stesso Kjaer(altra ottima partita stasera) potrebbe darci delle soddisfazioni.Occorrono innesti:uno per reparto,avendo fiducia che almeno in attacco possiamo puntare su Leao,che se conferma quanto visto nel post lockdown ed impara a giocare per la squadra sarebbe una chiave importante per portarci ad alti livelli. Occorre,per essere giusti,dare merito al lavoro silenzioso di Pioli che ha saputo collocare gli uomini al posto giusto(leggi Kessiè.Bennacer
e siprattutto Calha),dando identità e gioco alla squadra.Ha sfruttato con intelligenza la presenza di un’icona come Ibra che ha sferzato i compagni,richiamandoli a esprimersi in campo con dignità unita a una grinta scomparsa da tempo.Un “vecchietto” che con la sua presenza
in campo fa paura ai difensori e,poi,di goal ne ha fatti.Ottima cosa.
Alla prossima e come sempre…forza Milan!!!
MIGLIOR ROSSONERO:LEAO (primo tempo),CALABRIA (secondo tempo)

emoticon
image-2069