19/05/2019-Milan Frosinone–37^ Giornata

(Piatek,Suso)
Andata all’inferno e ritorno.Si può definire così,sportivaente parlando,quanto successo al momento del rigore(molto,molto dubbio) generosamente dato dall’arbitro al Frosinone.Ogni possibile velleità,anche se di difficile realizzazione,di Champions andava bruciata.Le manononi di Donnarumma,invece,fanno il miracolo e,finalmente,il Milan,punto sull’orgoglio,comincia a fare qualcosa di buono.Ci aspettavamo una partita arrembante dall’inizio da parte dei ragazzi ed invece,come ci capita,purtroppo,da sempre,regaliamo il primo tempo all’avversario.Un Frosinone libero da pensieri che ha giocato la sua partita senza scansarsi come succede molto spesso in altri campi.Ci è voluto,quindi,un episodio per svegliarli questi ragazzi.Piatek ritrova il goal e Suso mette il sigillo con una punizione fantastica.Partita chiusa.Punti che tengono accesa la labile fiammella Champions e ci danno la matematica certezza di un posto nella coppetta Europa League.Dobbiamo,però,vedercela con la Spal,altra squadra senza pensieri,e non sarà facile per quello visto oggi.La squadra fa fatica a fare gioco e non è brillante nei movimenti. Aspettiamo e vediamo che succede.Al di là del responso del campo abbiamo dei problemi da risolvere.Allenatore in primis.Come già detto di nomi se ne fanno tantissimi.Di quelli fatti nessuno soddisfa a pieno ed allora tanto vale tenerci Ringhio.Diamogli una rosa decente compatibilmente con la spada di Damocle del Fair Play Finanziario.Procediamo con la sfoltitura di chi non serve incluso certe figure poco compatibili con lo stile Milan,almeno quello di una volta.Se serve qualche cessione sacrificale,facciamola.Ringhio,però,deve modificare qualche idea sul gioco.Serve un maggior atteggiamento offensivo,maggior pressing,maggior velocità,maggior uso delle fasce.Bisogna,però,dargli un uomo di riferimento per organizzarlo questo gioco. Se si deve fare un sacrificio economico,e se ce lo permetteranno,lo si deve fare su questo elemento.Dal punto di vista dirigenziale,poi,leggiamo di dissidi più o meno velati Gazidis-Leonardo.Sarebbe il momento di fare chiarezza una volta per tutte ed in fretta.Trovino
un accordo di vedute o strade separate.Non piace,però,vedere che più o meno ogni stagione si cambino guida tecnica e gli uomini sulla plancia di comando.La tanto attesa rinascita non potrà partire mai.Speriamo che tutto si risolva al meglio e domenica sapremo cosa ci riserverà la prossima stagione in campo europeo anche se,stando con i piedi per terra, le sorprese piacevoli saranno difficili.
Un ultimo pensiero per il guerriero Abate:non sarà Dialma Santos o Cafu,non ha una tecnica sopraffina,non si sa mai dove finiranno i suoi cross,ma ha sempre messo tutto il suo cuore in campo,arringato i compagni da leader e l’attaccamento ai colori è al massimo.
Grazie Igna Ignazio,il nostro “Telepass” di pelegattiana memoria.Alla prossima e come sempre…forza Milan!!

MIGLIOR ROSSONERO:questa volta ne faccio due di nomi.DONNARUMMA(ovviamente per il rigore parato) e SUSO(per giocate e splendido goal di punizione)

Grazie Igna Ignazio!!!
image-1841

Grazie Igna Ignazio!!!